Le streghe parlavano con le piante? Appunti sparsi

148399125696014.jpg

C’è sempre un po’ di titubanza (o di eccessiva leggerezza) ad affrontare questo tema, soprattutto per noi cittadini del nuovo millennio, che non sappiamo riconoscere un fungo velenoso da uno commestibile.

Oggi andiamo a raccogliere asparagi, bietole, cicoria per diletto e non per necessità, il nostro ventaglio di raccolta è molto ridotto. Il riconoscimento dei frutti della natura era una capacità fondamentale per i nostri antenati , da ciò dipendeva la loro sopravvivenza, specialmente in quel periodo dell’anno in cui le scorte finivano e dovevano appellarsi al cibo che Madre Natura forniva spontaneamente.

Fu questa la nascita della Fitoalimurgia, il “cibo d’emergenza”.

All’inizio dei tempi, quando non esistevano manuali, corsi, università, come facevano a riconoscere le piante velenose da quelle commestibili?

L’ho chiesto a uno sciamano e lui mi ha risposto scocciato: “Semplice! Parlandoci!”

Le Donne di Conoscenza parlavano con le erbe, conoscevano i loro principi attivi e i loro poteri. Sapevano ciò che era cibo e ciò che era in grado di alterare il normale funzionamento psicofisico. Mi chiedo se sapessero anche che queste sostanze, che ancora oggi godono di un fascino fortissimo, causassero danni irreversibili e assuefazione.

Di cosa era fatta questa comunicazione?

Non di parole, certamente, si sa, le piante non parlano le lingue umane.

Dobbiamo immaginare un contesto di vita completamente diverso dal nostro, fatto di una comunione perfetta con la natura e con le sue creature, e forse, chissà, una competenza nel leggerne le caratteristiche che non è arrivata a noi, che si è persa.

Probabilmente era la saggezza nell’usare sempre piccole dosi di questo e quell’altro, spesso nemmeno per uso interno, ma sfregate nel corpo sotto forma di olii ed unguenti.

Senza contare il valore simbolico assegnato alle piante: non erano importanti solo le proprietà ma le capacità di una determinata erba di proteggere dal male, di garantire la fertilità, di propiziare una nascita…

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...