Il Potere Personale

peony-2319939_1920Da quando ho iniziato a lavorare nel campo della crescita personale al femminile ad oggi che sono 100% strega contadina, continuo a ricevere tanti messaggi, via blog, email o Facebook, la maggior parte da donne in cerca di aiuto o di semplici parole di conforto. Leggono il blog e i miei articoli sparsi in rete, oppure sono affascinate dal mio lavoro con la Terra e vorrebbero nutrire anche loro esperienze di connessione profonda con la natura. In prevalenza sono donne con problemi relazionali, di dipendenza affettiva, che hanno perso la bussola, non sanno più andare avanti, non capiscono come realizzare i loro talenti, spesso non sanno nemmeno di averne. O ancora sono donne che hanno una vita serena ma che sentono che “manca qualcosa”, un palpito di vita profondo.

La maggior parte di loro ci ha provato: ha creduto nel proprio sogno, in una relazione, in un percorso di vita e lo ha convertito in un progetto operativo, in una convivenza o in un investimento e lo ha visto cadere nel baratro dell’insuccesso, vuoi per la burocrazia, per i cattivi soci, per le aspettative deluse, vuoi per migliaia di ragioni. Il sogno si è infranto ma loro non si danno pace, cercano risposte, si tormentano.

I loro discorsi mi rimbombano in testa da mesi. Complice la solitudine e il silenzio della vita di campagna, ho potuto riflettere a lungo sulle vicissitudini delle donne che ho incontrato in questo anno intenso e ho trovato un filo conduttore alla radice dei loro (e anche dei miei) guai.

Il potere personale.

Perché queste donne così potenti, luminose, fiere, sicure, competenti, sensuali, audaci, brillanti, generose, si sono trovate a raccogliere i cocci dei loro sogni pur avendo tutte le carte in tavola per portarli avanti con successo?

Sbrogliando la matassa dei loro racconti, ho capito che c’era un elemento comune a tutte: il loro potere personale veniva “sprecato”.

Che cos’è il potere personale?

Il potere personale è il nucleo principale della nostra energia vitale, il centro interiore da cui possiamo prelevare le energie per qualsiasi attività della nostra vita. Non ha nulla a che vedere con il controllo degli altri o il carisma, è un potere che riguarda esclusivamente la nostra capacità di affermarci nel mondo come individui unici e irripetibili. Tutti possiedono il potere personale, ma troppi lo disperdono inutilmente.

Ecco queste donne (io pure) sono state derubate da chi di potere ne ha poco o ne vuole di più (i cosiddetti vampiri energetici di cui ho parlato qui), oppure hanno sprecato potere in rancori e ansie o ancora lo hanno dissolto attraverso l’inganno della generosità, ovvero offrendosi di aiutare qualcuno che non voleva essere aiutato o che non aveva una reale intenzione di cambiare la sua vita (partner, amico/amica, famigliare, cliente, alunno, figlio, collega, amante ecc.).

Molte di noi, insicure delle proprie risorse personali, si scollegano dal proprio potere personale delegandolo agli altri,  e vivono di riflesso il potere di uomini (o donne) che percepiscono come influenti per competenze o status socio-economico. Attraverso la delega all’esterno di se stessi, si perde il controllo della propria vita arrivando facilmente all’autodistruzione.

C’è anche una connotazione culturale che riguarda il potere personale delle donne,  obbligate dalle vicissitudini storiche a nascondere o non poter sviluppare la propria energia vitale profonda. Non è un caso, secondo me, che le streghe, le sciamane o altre donne di conoscenza abitassero lontano dai villaggi. Secoli di condizionamenti culturali hanno portato a allontanarci dal nostro potere personale, non possiamo stupirci delle difficoltà che abbiamo oggi nel coltivare questa incredibile risorsa.  Inoltre, le donne con grande potere personale spaventano facilmente e non attirano il consenso sociale.

Il “potere personale” è la mia parola guida del nuovo anno. Mi piacerebbe continuare a parlarne nei prossimi post. Voi che ne dite?

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. iltiasodiebe ha detto:

    Dico che hai centrato assolutamente il problema. E’ la stessa conclusione alla quale sono arrivata io, approdando alla campagna 3 anni fa. La solitudine permette di scoprirlo, il potere personale perchè, o lo trovi, o non ce la fai. Quoto l’idea di parlarne ancora. Elisa Panzani.

    Liked by 1 persona

    1. Valentina ha detto:

      verissimo! il contatto profondo con la natura richiede autenticità, continuerò a parlarne.. grazie Elisa

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...