Buon (secondo) compleanno alla Strega del Sud!

il

P1210619.JPG

Oggi questo blog compie due anni!

Ho sempre amato scrivere sin da piccolissima. Il mio grande sogno di bambina era quello di fare la scrittrice, (ok era un sogno comune! mi metto in coda..) poi una docente in gamba mi ha spiegato che di scrittura non è facile campare, e da sogno lavorativo è diventato un piacevole hobby. Non ho mai smesso di scrivere, anche quando le cose che ho scritto hanno generato polemiche e insulti nei miei confronti. Ho continuato imperterrita a condividere pezzi del mio mondo con voi che leggete e negli anni siete diventati un gruppo affezionato di lettori, che ringrazio di cuore.

Vi è arrivato il mio abbraccio di ringraziamento? Ok.

Ho conosciuto molti di voi di persona.

“Tu sei la strega del sud”, “Ma allora esisti”, “Ma allora sei vera e non sei un fake”…. quanto mi avete fatto ridere! Si si, sono vera, piccoletta ma in carne ed ossa e un sacco di altri miscugli.

Sono quella che per capire le cose che le succedono ha bisogno di scriverle.

Su certe situazioni ci scrivo da anni. Le ho girate e rigirate da tutte le prospettive e ancora non ci ho capito nulla. Così ultimamente ho appoggiato la penna e fatto un po’ di silenzio dentro e intorno a me. Non è stata una cosa forzata, semplicemente ho cavalcato quest’ondata di vuoto (anche in termini di assenza dal blog) e ci sto ancora dentro. Mi hanno detto che si chiama Presenza.

Presenza è guardare negli occhi chi ti sta davanti senza pensare ad altro. Ti accorgerai che gli occhi delle persone sono pieni di mille sfumature, le loro guance hanno qualche disordinata lentiggine o i segni della varicella. Presenza è guardarti le mani mentre lavori, osservare gli insetti che con una lentezza disarmante percorrano le autostrade dei campi, le lumache che ondeggiano beate sugli steli, le farfalle che leggerissime si poggiano sui fiori. Presenza è il suono dei baccelli che si strappano, crik crok, il ronzio delle api che è diverso dal ronzio dei bombi, il cinguettio ininterrotto dei verdoni.

Presenza è stare a guardare senza fare nulla. Un grande atto di fiducia nei confronti del mondo, che il mondo male interpreta come rassegnazione impotente.

Eh no, la presenza è un atto di fede, è scienza, è la consapevolezza che la vita scorre con o senza di te.

Così cari lettori, non arrabbiatevi se ultimamente latito, ho bisogno di questa meravigliosa bolla di vuoto, una pagina bianca da farcire con nuovi racconti.

 

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. JanaSaKoga ha detto:

    Ma guarda un po’ chi si risente dopo secoli di latitanza (la mia)! Ciao Strega del Sud, come li hai fatti quei cavoli da chilo? In agrodolce? Buona Presenza e un Abbraccio 🌸M.S.💮

    Mi piace

    1. Valentina ha detto:

      Ciao cara Jana, che piacere risentirti! quei cavoli li ho messi tutti a fermentare, su Instagram trovi i video tutorial 😉 un abbraccio!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...