Il coniglio di Malta

Per me questa è stata la seconda volta a Malta. Il primo viaggio in quest’Isola l’ho fatto nel 2013, ben cinque anni fa. Ricordo l’arsura di quella settimana di Pasqua, il vento incessante, i monumenti archeologici mozzafiato e l’onnipresente “Rabbit” presente in ogni menù. Si, perché a Malta il coniglio è una vera specialità culinaria….

Buon (secondo) compleanno alla Strega del Sud!

Oggi questo blog compie due anni! Ho sempre amato scrivere sin da piccolissima. Il mio grande sogno di bambina era quello di fare la scrittrice, (ok era un sogno comune! mi metto in coda..) poi una docente in gamba mi ha spiegato che di scrittura non è facile campare, e da sogno lavorativo è diventato…

Non gioco più.

Bene ragazze, è il momento di tirare le somme. Abbiamo spesso parlato di vittime e carnefici, di vampiri, manipolatori e dipendenze affettive, in tutte le loro complesse modalità. Direi che può bastare. Con l’arrivo della parte più oscura dell’anno, non so voi, ma io non gioco più. Mi tiro fuori dai giochi, mi autosqualifico, vado…

Suore streghe vibrazioni e preghiere

Una volta ho conosciuto una suora. Una donna di media età, diciamo, non una ragazzina ma nemmeno una vecchia, aveva quell’età di mezzo indefinibile che tutti i religiosi possiedono. Era una tipetta sempre vispa e indaffarata a mantenere attivo il suo oratorio, a organizzare la pesca di beneficienza, a cantare nelle case per riposo e…

Le Falene

Durante il giorno le falene si nascondono dentro casa, al chiuso degli uffici, dietro le porte dei grandi magazzini. Sono abitudinarie, escono poco. Si attivano soprattutto quando è notte, le ombre sono lunghe e ci si può smarrire facilmente. Nella notte è difficile andare a caccia di falene, perché l’oscurità le protegge e possono fare…

Dove si nascondono gli animali feriti.

Al buio. In silenzio. In un angolo. Feriti, spezzati. La fiducia nel mondo tradita, la spensieratezza distrutta. Vogliono rimanere soli, a leccarsi la ferita fino a quando non sanguina più, fino a quando non fa più male. Soli in un angolino buio, a piangere senza essere sentiti, commiserati, incompresi, a volte perfino rimproverati per l’illegittimità…

Settembre, ritorno all’essenziale

È tornato settembre, guardiano d’autunno. Ha fatto il suo ingresso silenzioso dentro una giornata caldissima, che ci ha avvolto in un’abbraccio umidiccio di afa. Settembre è il mese dei buoni propositi: dieta, palestra, matrimoni, nuovi progetti lavorativi, esami e traslochi. ps: propositi troppo numerosi  e ambiziosi che verranno puntualmente disattesi. Per me settembre è voglia…

Voce del verbo “odiare”

Questa è una storia che non mi piace raccontare perché è molto personale e mi fa ancora male ma la racconto comunque e ve lo spiego alla fine. Tanti anni fa mia sorella lavorava in un call center in un paese non distante dal mio, in cui conoscersi tutti, almeno per nome o cerchio di…

Non lasciamoci infestare.

Il convolvolo è un fiore rosato carino carino ma un po’ invadente.  Resistente perfino al terribile glifosato. Da piccola lo adoravo perchè mi pareva di scorgerci dentro i colori dell’arcobaleno. Qualche convolvolo sfugge sempre alla pacciamatura e riesce ad arrampicarsi tra i rami delle altre piante per espandersi ancora di più. Ieri all’orto è venuto…

Waldeinsamkeit. Soli nella Foresta

Waldeinsamkeit è una parola tedesca che non può essere tradotta in nessun’altra lingua. Significa sentirsi da soli in mezzo ai boschi. E’ la sensazione che ti assale quando cammini da solo tra il fitto degli alberi. Si avvicina la festa del raccolto e se dovessi usare una parola per riassumere questo denso periodo di lavoro…

Le fiabe che non ti racconterò

Quella del principe azzurro che viene a salvarti non te la racconterò. Ti salverai da sola mille volte, figlia mia. Nemmeno quella del ranocchio che con un bacio si trasforma in principe, perché penserai forse che è facile cambiare chi non vuole farlo. La fiaba del gentile cavaliere che si nasconde sotto il volto di…

La Datura, il giudizio, il veleno.

Sono state settimane torride, il termometro ha superato i 40 gradi e già alle nove del mattino in campo aperto si sudava. Notti difficili, di caldo e insonnia. Con le alte temperature soffriamo, iniziamo a funzionare male. I cervelli soprattutto. Nelle strade che percorro tutti i giorni per andare a lavoro, i campi sono invasi…